Impresa e criminalità

Foto Impresa e criminalità

L’impresa può essere protagonista di comportamenti illeciti, più o meno gravi. Per la prevenzione e il contrasto di tali comportamenti sono necessari, di regola, strumenti giuridici afferenti a diversi settori del diritto (come il diritto commerciale, il diritto penale, il diritto amministrativo, il diritto civile, il diritto fiscale, il diritto del lavoro).

All’interno della sezione Impresa e criminalità sono sviluppati studi e iniziative in relazione ai macro-crimini dell’impresa, il cui carattere “macro” dipende dalla diffusività degli effetti dannosi o pericolosi, capaci sia di offendere beni primari a dimensione anche collettiva come l’incolumità, la salute o l’ambiente (ad es. in occasione di disastri tecnologici, sul lavoro, ambientali e sanitari), sia di incidere su beni economici e patrimoniali, o di alterare l’assetto economico e della concorrenza, con possibili impatti negati anche sul buon funzionamento della pubblica amministrazione e il funzionamento delle democrazie contemporanee (si pensi agli abusi di mercato, ai crack finanziari, alla corruzione endemica).  

Una prima linea investigativa riguarda gli strumenti diretti a prevenire le condotte illecite dell’impresa. Tra le tematiche oggetto di studio figurano, in via esemplificativa:

  • le misure dirette al monitoraggio dell’impresa e delle sue attività, quali le banche dati sull’impresa e gli osservatori sul ciclo degli appalti pubblici, e la loro l’interconnessione a livello europeo;
  • le procedure e le certificazioni dirette a garantire la qualità della produzione e la legalità dell’attività svolta (ad es. rating di legalità, white/black lists).

Altro ambito di interesse riguarda le misure di indagine sulle attività illecite delle imprese, quali, ad esempio:

  • gli strumenti di cooperazione giudiziaria tra gli Stati (es., mandato d'arresto europeo, ordine europeo d'indagine) e gli organismi europei di contrasto della criminalità economica transnazionale (es., Pubblico ministero europeo, Eurojust, Europol, Olaf);
  • il coordinamento delle ispezioni e l’istituzione di autorità di controllo europeo (es., la European Labour Authority);
  • la tutela del whistleblower (lavoratore che denuncia all'autorità gli elementi che fanno presumere la commissione di reati o infrazioni);

Un terzo ambito di interesse attiene alla repressione dei crimini commessi dall’impresa, in riferimento, ad esempio:

- alle diversificate fenomenologie della criminalità economica e d’impresa (reati societari, finanziari, fallimentari, ambientali, in materia di sicurezza del lavoro, sicurezza alimentare, etc.) e i delitti contro la pubblica amministrazione;

- ai differenti modelli di imputazione oggettiva e soggettiva di eventi ad eziologia assai diversificata (infortuni e disastri caratterizzati da tendenziale immediatezza vs. eventi seriali a causalità cumulativa), riconducibili allo svolgimento di attività economiche in senso lato;

- all’elaborazione di strategie sanzionatorie “differenziate” per l’efficace contrasto ai diversi fenomeni della criminalità economica e d’impresa;

-agli strumenti di congelamento o ablazione degli assets patrimoniali di provenienza illecita (es., sequestro, confisca), la tutela dei diritti reali (specie dei soggetti terzi), la conservazione delle garanzie patrimoniali dei creditori e le esigenze di salvaguardia dell'iniziativa economica;

-alle misure di sterilizzazione della presenza criminale nel capitale delle imprese;

- ai mezzi e sistemi di pagamento utilizzati dalle organizzazioni criminali per sottrarsi alla disciplina antiriciclaggio (es., le c.d. criptovalute).

 

Un ultimo filone di indagine sarà infine dedicato alla tutela delle vittime e al risanamento dell’impresa. In quest’ambito rientrano, ad esempio:

  • le misure di accesso alla giustizia per le vittime della condotta illecita (ad es. lavoratori, utenti e consumatori, imprese concorrenti), quali la possibilità di azioni collettive o l’assistenza legale gratuita;
  • le misure dirette a garantire la ripresa dell’attività economica nel caso, ad esempio, di imprese confiscate o fallite.

I temi indicati saranno esaminati sia in generale, sia in riferimento a specifici fenomeni di illegalità, ad esempio in materia di appalti pubblici, criminalità organizzata, sfruttamento di manodopera (in particolare, ma non solo, straniera).


Ricercatori coinvolti
Pubblicazioni
  • Diritti lavori mercati_Criminalità mafiosa e diritto del lavoro

    Titolo: Criminalità mafiosa e diritto del lavoro

    Di: S. Borelli, M. Ranieri

    in Diritti lavori mercati

    2019, fasc. 1, p. 131 ss.

    VAI ALL'OSSERVATORIO

    Maggiori informazioni
  • Labour Mobility and Transnational Solidarity in the European Union

    Titolo: Labour Mobility and Transnational Solidarity in the European Union

    A cura di: S. Borelli, A. Guazzarotti

    Jovene Editore, 2019

    Collana Univ. di Ferrara - Dip. di Giurisprudenza

    ISBN: 9788824326278

     

    Leggi

    Maggiori informazioni
  • Titolo: Lavoro e criminalità organizzata di origine mafiosa

    Di: S. Borelli, M. Ranieri

    in Diritti lavori mercati

    2020, p. 391 ss.

    VAI ALL'OSSERVATORIO

    Maggiori informazioni
  • Sistema penale

    Titolo: Relitti o rifiuti? La complessa qualificazione giuridico-penale delle navi abbandonate

    Di: D. Castronuovo

    in Sistema penale

    N. 6/2020, p. 387 ss.

    VAI ALL'ARTICOLO

    Maggiori informazioni
  • Legislazione penale

    Titolo: I limiti sostanziali del potere punitivo nell’emergenza pandemica: modelli causali vs. modelli precauzionali

    Di: D. Castronuovo

    in Legislazione penale

    10 maggio 2020, p. 1 e ss.

    VAI ALL'ARTICOLO

    Maggiori informazioni
  • Titolo: Sicurezza sul lavoro: profili penali

    A cura di: D. Castronuovo, F. Curi, S. Tordini Cagli, V. Torre, V. Valentini

    Giappichelli, 2019

    ISBN: 9788892129467

     

    Vai all'indice

    Maggiori informazioni
  • Titolo: L'emergenza del Covid-19 e il condizionamento dell'economia legale da parte della criminalità organizzata

    Di: R. Tonelli

    in Diritto Virale

    2020, vol. 2, p. 21 ss.

    vai all'articolo

    Maggiori informazioni
  • Principio di prevenzione e sicurezza sul lavoro

    Titolo: Principio di prevenzione e sicurezza sul lavoro

    di S. Buoso

    Giappichelli, 2020

    ISBN:9788892121348

     

    indice del volume

    Maggiori informazioni
  • Titolo: Comment coopérer dans la concurrence normative, au temps de la Gouvernance économique?

    Di: S. Borelli

    in L’Autorité européenne du travail, a cura di Allamprese A., Borelli S., Morsa M.,

    Bruylant 2020, pp. 185 ss.

    Vai al volume 

    Maggiori informazioni
  • Titolo: Il distacco di lavoratori migranti

    Di: S. Borelli

    in Migranti e lavoro, a cura di W. Chiaromonte, M.D. Ferrara, M. Ranieri, Il Mulino, Bologna

    2020, pp. 295-315

    Vai al volume 

    Maggiori informazioni
  • Titolo: L'altro 18. Diritto del lavoro e sfruttamento

    Di: S. Borelli

    curatela con L. Calafà, M. D'Onghia, S. Laforgia, e M. Ranieri del fascicolo n. 2/2021 della Rivista "Lavoro e Diritto"

    Vai al fascicolo

    Maggiori informazioni
  • Mafia, legalità e lavoro

    Titolo: Mafie, legalità e lavoro

    A cura di: Silvia Borelli e Vittorio Mete

    Quaderni di Città sicure

    Anno XXIV - N. 42 - 2018

    Leggi

    Maggiori informazioni